Traiettorie internazionali. Schema, art/tapes/22, Zona

Descrizione: 

Dalla prima metà degli anni Settanta fino agli anni Novanta la Toscana torna a essere uno dei centri più vitali per la produzione artistica contemporanea, annoverando la presenza sul territorio di una ricca comunità di artisti italiani e internazionali. Questi artisti giungono in città richiamati non solo dal mito della cultura rinascimentale ma anche attratti dai numerosi centri di produzione sorti in quegli anni. Tra questi la Galleria Schema, fondata nel 1972 da Roberto Cesaroni Venanzi e Alberto Moretti, che costituirà fino alla chiusura nel 1994 un punto di riferimento per le tendenze artistiche neo-concettuali; il laboratorio di art/tapes/22, attivo dal 1973 al 1976 sotto la guida di Maria Gloria Bicocchi e specializzato nella produzione di video-arte anche grazie all’aiuto del giovane americano Bill Viola; le esperienze di Zona non profit art space, sorta nel 1974 su iniziativa degli artisti Mario Mariotti, Paolo Masi e Maurizio Nannucci, la cui eredità sarà raccolta e rilanciata nel 1998 da BASE/Progetti per l’arte.

2
#f5822b
20,54