Atto I scena terza per i Puritani di V. Bellini

Titolo didascalia: 
Atto I scena terza per i Puritani di V. Bellini
Data: 
1933
Autore: 
Giorgio De Chirico
Tecnica realizzativa: 
matita e tempera acquerellata su carta incollata su cartoncino
In concessione: 
Courtesy Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Fondazione Archivio Storico, inv. 836
Descrizione: 

Sin dalla prima edizione il Maggio Musicale Fiorentino dedica molta importanza alla componente visiva, innalzata al rango di quella musicale in nome di un rinnovamento complessivo dello spettacolo di opera, di prosa e di danza. È questo il senso del coinvolgimento nel 1933 – oltre a Gino Carlo Sensani per la Rappresentazione di Santa Uliva –di tre grandi artisti italiani ovvero Felice Casorati, Giorgio De Chirico e Mario Sironi, incaricati della definizione dei bozzetti di scena e dei figurini per i costumi rispettivamente de La Vestale di Gaspare Spontini, de I Puritani di Vincenzo Bellini e di Lucrezia Borgia di Gaetano Donizetti. Audacemente abbinati a un repertorio ottocentesco, i tre autori elaborano soluzioni visive molto diverse: e se la scena di sapore neoclassico – “costruita” anziché dipinta – di Casorati e la solida e spoglia ambientazione di Sironi sono largamente apprezzate, la proposta onirica di De Chirico, impregnata dal suo bagaglio pittorico piuttosto che in dialogo con l’opera belliniana, viene apertamente contestata dal pubblico. Ciò nonostante sarà proprio la presenza di De Chirico – reduce dal successo parigino di Le Bal accanto a Diaghilev ad attestare l’aggiornamento culturale e il respiro internazionale del Maggio Musicale.
Anche negli anni successivi verranno chiamati a collaborare numerosi artisti, toscani e non, che porteranno sulla scena le novità della pittura italiana di un intero ventennio: fra questi Cipriano Efisio Oppo, Gianni Vagnetti, Gino Severini, Mario Sironi, Baccio Maria Bacci, Umberto Brunelleschi, Felice Carena, Lucien Coutaud, Enrico Prampolini e nel dopoguerra Pietro Annigoni, Corrado Cagli, Fabrizio Clerici, Renato Guttuso, Stanislao Lepri, Mino Maccari, Enzo Rossi, Alberto Savinio, Toti Scialoja e Gregorio Sciltian.
 
In caso di mostre temporanee l'opera non sarà esposta.

Anteprima: 
Riproduzione: 
audio descrizione: