Filippo De Pisis, Natura morta col pesce (Il ritratto della Regina), 1931

Titolo didascalia: 
Natura morta col pesce (Il ritratto della Regina)
Data: 
1931
Autore: 
Filippo De Pisis
Tecnica realizzativa: 
olio su tela
In concessione: 
Collezioni civiche - Dono Aldo Palazzeschi
Descrizione: 

Pittore, scrittore e attore, Filippo Tibertelli, più noto come Filippo De Pisis (1896-1956), trascorre la sua giovinezza nella natia Ferrara, dove si avvicina al Futurismo e alla Metafisica, per poi trasferirsi a Roma e nel 1925 a Parigi, dove resterà per oltre quattordici anni. Qui, nel dialogo entusiasta con l’Impressionismo di Sisley, Pissarro e Monet, avvia una ricerca artistica tesa a una nuova e fresca luminosità che lo condurrà ai suoi esiti più felici. Paesaggi, vedute e nature morte evocano, sul filo della memoria, fantasie ermetiche e simboliche, dove tuttavia «tutto è smussato e respira» grazie a un tocco pittorico leggero e immediato. Sostenuto da una costante curiosità naturalistica, De Pisis porta all’attenzione i particolari più umili della realtà, assai lontani dalla retorica celebrativa della propaganda: è il caso di Natura morta con carpa, conchiglia e limoni nel paesaggio di Pomposa del 1931, concepito in dittico con Natura morta marina con ananas, del quale si trova traccia nello scritto dell’artista apparso su Il Selvaggio nello stesso anno e nella novella di Palazzeschi Il ritratto della regina.

Anteprima: 
Riproduzione: 
audio descrizione: