Oscar Ghiglia, Vaso con rose, 1920 - 1930

Titolo didascalia: 
Vaso con rose
Data: 
1920 - 1930
Autore: 
Oscar Ghiglia
Tecnica realizzativa: 
olio su cartone
In concessione: 
Collezioni civiche - Raccolta Icilio Cappellini
Descrizione: 

Oscar Ghiglia (1876-1945), livornese, si trasferisce a Firenze dove si avvicina a Papini e Prezzolini ma anche ad Amedeo Modigliani e Giovanni Fattori. Proprio sulle orme di quest'ultimo Ghiglia definisce le prime esperienze pittoriche, sebbene negli anni successivi rielabori l'impronta postmacchiaiola accostandovi soluzioni più sintetiche e strutturate, frutto delle riflessioni da una parte su Gauguin e sui Nabis e dall'altra su Cézanne: ne derivano nature morte salde e compatte, dalle cromie ricche e limpide e luminose, che percorreranno l'intera carriera artistica affiancando il prediletto genere del ritratto. Emblematica in questo senso è l’opera Vaso con rose, in cui gli elementi vengono investiti dalla luce meridiana e quasi sostenuti dai colori, capaci di esaltare – grazie all'accostamento leggero delle pennellate – i valori tattili del vaso, dei fiori e delle foglie, del drappo sullo sfondo, del piano specchiante.

Anteprima: 
Riproduzione: 
audio descrizione: