10.6 Casorati e i Sei di Torino

Descrizione: 

Riunitisi intorno a Felice Casorati, sostenuti dal collezionista Riccardo Gualino e appoggiati dal critico Lionello Venturi, i Sei Pittori di Torino inaugurano la loro stagione espositiva nel 1929 con opere improntate alla sobrietà, all’intimismo e alla discrezione, antitetiche all’ufficialità e alla magniloquenza del gruppo milanese Novecento. E se sull’invito della mostra campeggia Olympia di Manet, segno di una comune affinità con l’Impressionismo francese, sono le parole di Carlo Levi a dichiarare la visione di un’arte libera, che trasferisce in ambito pittorico una libertà di gusto, di cultura e di coscienza: «l’impostazione era rigorosa e intransigente: il moderno, l’europeo erano di per sé un’opposizione totale in tempo di tribunali speciali, di autarchia, di romanità, di corporazione, di ‘900». Al gruppo, dai risultati stilistici eterogenei, appartengono Jessie Boswell, Gigi Chessa, Nicola Galante, Carlo Levi, Francesco Menzio, Enrico Paulucci.

audio descrizione: 
20,54
20,54